Lingua: ITA

Giovet a Montecitorio

Altervista

Giovani veterinari ai deputati: mangiate la mozzarella, è senza diossina

  • Per condividere e partecipare alla riabilitazione dei prodotti lattiero caseari di bufala della Campania, in piazza Montecitorio a Roma, l’associazione Giovani Veterinari della Campania (GioVet) – grazie alla collaborazione della Facoltà di Medicina Veterinaria della Federico II e l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno (IZSM) – ha distribuito mozzarelle di bufala campana con relative analisi di diossine e Pcb. Nessuna manifestazione di protesta – ribadiscono i giovani professionisti – ma un evento partecipativo e un momento di confronto per informare i consumatori in modo chiaro ed inequivocabile sulla filiera bufalina.

    Le recenti inchieste su Terra dei Fuochi e, più in generale, sulla salubrità dei prodotti campani, soprattutto della mozzarella di bufala, – prosegue la nota – hanno creato unicamente allarmismo, preoccupazione e confusione sul consumo dei prodotti campani, che sembra pure lecito dopo la massiccia risonanza mediatica, ma che è profondamente ingiustificato e arbitrario alla luce delle analisi che vengono costantemente effettuate con estremo rigore». (fonte: Corriere del Mezzogiorno)

  • Leggi su Altervista

ANSA

Veterinari in piazza Montecitorio, "la mozzarella Dop è sicura"

  • I giovani veterinari della Campania scendono in piazza per difendere la mozzarella di bufala campana Dop. Lo fanno a Roma, nella piazza simbolo della capitale, Montecitorio, dove offrono ai passanti mozzarelle di bufala Dop e una copia delle analisi che vengono effettuate quotidianamente in Campania in allevamenti e caseifici aderenti al Consorzio della Mozzarella di Bufala Campana Dop.

    ''Siamo qui per assicurare ai consumatori, di tutta Italia, che il nostro prodotto e' buono, di qualità. Grazie al lavoro della Regione Campania, del settore veterinario, dell'Istituto zooprofilattico, e alla collaborazione delle forze dell'ordine, i Nas, il mistero della Salute, sono stati predisposti dei piani per l'analisi sulla diossina sulla mozzarella di bufala e sul latte. Noi controlliamo'', ha sottolineato Rino Cerino, presidente dell'associazione dei giovani veterinari della Campania, Giovet, durante l'iniziativa e un incontro con il Presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro.

    ''Ci sono i dati confortanti che nessuno vuole comunicare: zero per cento di diossina anche su quei terreni della Terra dei fuochi, sotto attacco mediatico ormai da tempo. Abbiamo manifestato in difesa dei nostri prodotti - ha aggiunto - delle nostre istituzioni che effettuano i controlli. Siamo in piazza per tutti quelli che si impegnano ogni giorno per portare avanti cultura e tradizione di un settore strategico''. Dopo l'incontro con Caldoro e la iniziativa in piazza i giovani hanno lasciato un quintale di mozzarelle ad una mensa di poveri della Chiesa dell'Angelo di via del Tritone a Roma.

  • Leggi su ANSA

ASCA

Campania: Nugnes, bene giovani veterinari a difesa qualita' mozzarella 26 Novembre 2013 - 12:12

  • (ASCA) - Napoli, 26 nov - ''L'iniziativa messa in campo oggi dai giovani veterinari della Campania e' la dimostrazione del fatto che si puo' manifestare anche a difesa dei nostri prodotti di eccellenza, e la mozzarella e' sicuramente uno di questi''. Cosi' Daniela Nugnes, assessore all'agricoltura della regione Campania, che ha aggiunto che ''con la manifestazione di oggi a Montecitorio si e' scelto di far parlare i dati. Analisi che dimostrano che la nostra mozzarella di bufala, ma non solo quella, non solo e' buona, ma e' anche controllatissima''.

    ''Se serve anche questo a tutela della agricoltura campana sana e che rappresenta la nostra regione nel mondo ben vengano tutte le iniziative del genere. Anche cosi', facendo parlare le evidenze scientifiche e seguendo la strada della trasparenza e della tracciabilita', potremo riaffermare il valore delle nostre produzioni di eccellenza'', conclude la Nugnes.

  • Leggi su ASCA

Campania Notizie

Mozzarella a Montecitorio, Nugnes plaude a iniziativa giovani veterinari

  • “L’ iniziativa messa in campo oggi dai giovani veterinari della Campania è la dimostrazione del fatto che si può manifestare anche a difesa dei nostri prodotti di eccellenza, e la mozzarella è sicuramente uno di questi.” Così Daniela Nugnes, assessore all'Agricoltura della Regione Campania.

    "Con la manifestazione di oggi a Montecitorio - aggiunge - si è scelto di far parlare i dati. Analisi che dimostrano che la nostra mozzarella di bufala, ma non solo quella, non solo è buona, ma è anche controllatissima.

    "Se serve anche questo a tutela della agricoltura campana sana e che rappresenta la nostra regione nel mondo ben vengano tutte le iniziative del genere. Anche così, facendo parlare le evidenze scientifiche e seguendo la strada della trasparenza e della tracciabilità, potremo riaffermare il valore delle nostre produzioni di eccellenza”, conclude la Nugnes.

  • Leggi su Campania Notizie

Campaniasuweb

La mozzarella di bufala campana protagonista a Montecitorio

  • I bocconcini sono stati distribuiti dall’associazione Giovani Veterinari della Campania: «Sul latticino c’è una preoccupazione giusta ma arbitraria e ingiustificata visti i controlli della filiera bufalina»

    Mozzarelle di bufala campana, con relative analisi di diossine e PCB, sono state distribuite questa mattina in piazza Montecitorio, a Roma. «Nessuna manifestazione di protesta – hanno tenuto a precisare GioVet, l’associazione Giovani Veterinari della Campania che ha organizzato l’iniziativa – ma un evento partecipativo e un momento di confronto per informare i consumatori in modo chiaro ed inequivocabile sulla filiera bufalina»

    «ALLARMISMO INGIUSTIFICATO» – «Le recenti inchieste su Terra dei Fuochi e, più in generale, sulla salubrità dei prodotti campani, soprattutto della mozzarella di bufala - prosegue la nota - hanno creato unicamente allarmismo, preoccupazione e confusione sul consumo dei prodotti campani, che sembra pure lecito dopo la massiccia risonanza mediatica, ma che è profondamente ingiustificato e arbitrario alla luce delle analisi che vengono costantemente effettuate con estremo rigore». L’iniziativa è stata organizzata in collaborazione con la Facoltà di Medicina Veterinaria della Federico II e con l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno (IZSM).

  • Leggi su Campania su Web

CasertaNews

L’associazione Giovani Veterinari della Campania porta le mozzarelle campane a Montecitorio

  • AGRICOLTURA | Napoli
    Un evento, più che una manifestazione, per informare, condividere e partecipare alla riabilitazione dei prodotti lattiero caseari di bufala della Campania. Oggi 26 novembre in piazza Montecitorio a Roma, l'associazione Giovani Veterinari della Campania (GioVet) grazie alla collaborazione della Facoltà di Medicina Veterinaria della Federico II e l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno (IZSM), distribuirà mozzarelle di bufala campana con relative analisi di diossine e PCB. Nessuna manifestazione di protesta ma un evento partecipativo e un momento di confronto per informare i consumatori in modo chiaro ed inequivocabile sulla filiera bufalina. Le recenti inchieste su Terra dei Fuochi e, più in generale, sulla salubrità dei prodotti campani, soprattutto della mozzarella di bufala, hanno creato unicamente allarmismo, preoccupazione e confusione sul consumo dei prodotti campani, che sembra pure lecito dopo la massiccia risonanza mediatica, ma che è profondamente ingiustificato e arbitrario alla luce delle analisi che vengono costantemente effettuate con estremo rigore.

  • Leggi su Casertanews

Corriere di Aversa e Giugliano

La Mozzarella è sana, manifestazione a Montecitorio

  • ''Ho visto i giovani veterinari della Campania. Bella la loro iniziativa su mozzarella e prodotti. Mi fido di loro, dei nostri giovani''. Cosi il presidente della Regione Campania, Caldoro ha detto su twitter dopo aver incontrato i giovani veterinari che in piazza Montecitorio, a Roma, hanno distribuito mozzarelle campane con tutte le analisi che vengono effettuate.

    Dopo l'incontro con Caldoro e la iniziativa in piazza i giovani hanno lasciato un quintale di mozzarelle ad una mensa per poveri.

  • Leggi su Corriere di Aversa e Giugliano

Cronaca Partenopea

Montecitorio: veterinari in piazza per difendere bufale e mozzarelle

  • ROMA – Iniziative e manifestazioni di protesta in difesa della mozzarella campana. L’associazione dei Giovani veterinari della Campania ha manifestato oggi davanti a Montecitorio in difesa della qualità della mozzarella di bufala campana. Una manifestazione “pacifica”, spiega il presidente dei Giovet, Rino Cerino, “per assicurare consumatori e parlamentari che il nostro prodotto è buono”. “Grazie ai piani straordinari della Regione Campania, del settore veterinario, dell’Istituto zooprofilattico e della collaborazione con le forze dell’ordine, i Nas e il Ministero della Salute – spiega Cerino – sono stati predisposti piani per analizzare la diossina sulla mozzarella di bufala campana e sul latte. I dati sono confortanti, abbiamo lo zero percento su quei terreni della Terra dei fuochi particolarmente colpiti dal recente assalto mediatico”. Da qui la manifestazione, “in difesa delle nostre istituzioni che effettuano i controlli e di tutti i 22mila addetti nella nostra regione che ogni giorno si sacrificano per portare avanti una cultura e una tradizione”.

  • Leggi su Cronaca Partenopea

FNOVI

I medici veterinari campani a Montecitorio: la mozzarella di bufala è sicura

  • L'associazione dei Giovani veterinari della Campania ha manifestato davanti a Montecitorio in difesa della qualità della mozzarella di bufala campana. Una manifestazione "pacifica", ha spiegato il Presidente dei Giovet, Dr. Rino Cerino, "per assicurare consumatori e parlamentari che il nostro prodotto è buono".

    "Grazie ai piani straordinari della Regione Campania, del settore veterinario, dell'Istituto zooprofilattico e della collaborazione con le forze dell'ordine, i Nas e il Ministero della Salute – ha aggiunto Cerino - sono stati predisposti piani per analizzare la diossina sulla mozzarella di bufala campana e sul latte. I dati sono confortanti, abbiamo lo zero percento su quei terreni della Terra dei fuochi particolarmente colpiti dal recente assalto mediatico".

    Da qui la manifestazione: "in difesa delle nostre istituzioni che effettuano i controlli e di tutti i 22mila addetti nella nostra regione che ogni giorno si sacrificano per portare avanti una cultura e una tradizione".

  • Leggi su FNOVI

Il Mattino

I giovani veterinari della Campania distribuiscono mozzarelle a Montecitorio

  • ROMA - Per condividere e partecipare alla riabilitazione dei prodotti lattiero caseari di bufala della Campania oggi, in piazza Montecitorio a Roma, l'associazione Giovani Veterinari della Campania (GioVet) - grazie alla collaborazione della Facoltà di Medicina Veterinaria della Federico II e l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno (IZSM) - ha distribuito mozzarelle di bufala campana con relative analisi di diossine e PCB.

    Nessuna manifestazione di protesta - è scritto in una nota - ma un evento partecipativo e un momento di confronto per informare i consumatori in modo chiaro ed inequivocabile sulla filiera bufalina.

    «Le recenti inchieste su Terra dei Fuochi e, più in generale, sulla salubrità dei prodotti campani, soprattutto della mozzarella di bufala, - prosegue la nota - hanno creato unicamente allarmismo, preoccupazione e confusione sul consumo dei prodotti campani, che sembra pure lecito dopo la massiccia risonanza mediatica, ma che è profondamente ingiustificato e arbitrario alla luce delle analisi che vengono costantemente effettuate con estremo rigore».

    martedì 26 novembre 2013 - 14:38

  • Leggi su Il Mattino

ilVelino

Giovani veterinari: Iniziativa a difesa della mozzarella campana

  • Nugnes: "A Montecitorio hanno parlato i dati"

    “L’ iniziativa messa in campo oggi dai giovani veterinari della Campania è la dimostrazione del fatto che si può manifestare anche a difesa dei nostri prodotti di eccellenza, e la mozzarella è sicuramente uno di questi”. Queste le parole dell'assessore all'Agricoltura della Regione Campania Daniela Nugnes. “Con la manifestazione di oggi a Montecitorio – ha aggiunto - si è scelto di far parlare i dati. Analisi che dimostrano che la nostra mozzarella di bufala, ma non solo quella, non solo è buona, ma è anche controllatissima”. Nugnes si è dichiarata soddisfatta di questa iniziativa, che può servire che l'agricoltura campana è sana: ”Facendo parlare le evidenze scientifiche – ha poi concluso - e seguendo la strada della trasparenza e della tracciabilità, potremo riaffermare il valore delle nostre produzioni di eccellenza”.

  • Leggi su ilVelino

Noi Napoli

I veterinari della Campania regalano mozzarella di bufala ai parlamentari in piazza Montecitorio

  • Manifestazione dell'Associazione dei giovani veterinari campani, a Roma, a piazza Montecitorio, per difendere i prodotti locali. Distribuita a parlamentari e passanti mozzarella di bufala. "Siamo qui - ha detto Rino Cerino, presidente dell' Associazione - per assicurare ai consumatori che il nostro prodotto e' buono. Grazie al lavoro della Regione Campania, del settore veterinario, dell'Istituto zooprofilattico, e alla collaborazione delle forze dell'ordine, i Nas, il mistero della Salute, sono stati predisposti dei piani per l'analisi sulla diossina sulla mozzarella di bufala e sul latte. Ne sono usciti dati confortanti: zero per cento di diossina anche su quei terreni della Terra dei fuochi, sotto attacco mediatico ormai da tempo". "Abbiamo manifestato in difesa dei nostri prodotti, delle nostre istituzioni che effettuano i controlli - ha aggiunto il giovane professionista - e di tutti coloro che in questa regione si impegnano ogni giorno per portare avanti cultura e tradizione". 

  • Leggi su Noi Napoli

QuotidianoItalia

Mozzarelle, giovani veterinari “e ora fuori le…” analisi

  • NAPOLI - Un evento, più che una manifestazione, per informare, condividere e partecipare alla riabilitazione dei prodotti lattiero caseari di bufala della Campania. Domani 26 novembre in piazza Montecitorio a Roma, l’associazione Giovani Veterinari della Campania (GioVet) grazie alla collaborazione della Facoltà di Medicina Veterinaria della Federico II e l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno (IZSM), distribuirà mozzarelle di bufala campana con relative analisi di diossine e PCB. Nessuna manifestazione di protesta ma un evento partecipativo e un momento di confronto per informare i consumatori in modo chiaro ed inequivocabile sulla filiera bufalina. Le recenti inchieste su Terra dei Fuochi e, più in generale, sulla salubrità dei prodotti campani, soprattutto della mozzarella di bufala, hanno creato unicamente allarmismo, preoccupazione e confusione sul consumo dei prodotti campani, che sembra pure lecito dopo la massiccia risonanza mediatica, ma che è profondamente ingiustificato e arbitrario alla luce delle analisi che vengono costantemente effettuate con estremo rigore.

  • Leggi su QuotidianoItalia

RadioCRC

Roma, veterinari donano Mozzarelle Dop analizzate

  • Per condividere e partecipare alla riabilitazione dei prodotti lattiero caseari di bufala della Campania si sta tenendo in queste ore – in piazza Montecitorio a Roma – una distribuzione gratuita di Mozzarella di Bufala Campana Dop. L’iniziativa è partita dall’Associazione Giovani Veterinari della Campania (GioVet) – grazie alla collaborazione della Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi Federico II e dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale per il Mezzogiorno sezione di Portici. Insieme alle mozzarelle di bufala si stanno distribuendo anche le relative analisi di diossine e PCB. “Nessuna manifestazione di protesta – è scritto in una nota di GioVet- ma un evento partecipativo ed un momento di confronto per informare i consumatori in modo chiaro ed inequivocabile sulla filiera bufalina”. Sempre secondo la nota “Le recenti inchieste su Terra dei Fuochi e, più in generale, sulla salubrità dei prodotti campani, soprattutto della mozzarella di bufala, hanno creato unicamente allarmismo, preoccupazione e confusione sul consumo dei prodotti campani, che sembra pure lecito dopo la massiccia risonanza mediatica, ma che è profondamente ingiustificato e arbitrario alla luce delle analisi che vengono costantemente effettuate con estremo rigore”.

    Non a caso – anche L’Espresso, nell’ormai tristemente famoso servizio infelicemente titolato “Bevi Napoli e Poi Muori” aveva additato la mozzarella di bufala tra i prodotti messi all’indice dall’US Navy, circostanza poi smentita dal Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop.

    “L’ iniziativa messa in campo oggi dai giovani veterinari della Campania è la dimostrazione del fatto che si può manifestare anche a difesa dei nostri prodotti di eccellenza, e la mozzarella è sicuramente uno di questi.”

    Così Daniela Nugnes, assessore all’Agricoltura della Regione Campania. “Con la manifestazione di oggi a Montecitorio – aggiunge – si è scelto di far parlare i dati. Analisi che dimostrano che la nostra mozzarella di bufala, ma non solo quella, non solo è buona, ma è anche controllatissima.

    “Se serve anche questo a tutela dell’agricoltura campana sana e che rappresenta la nostra regione nel mondo, ben vengano tutte le iniziative del genere. Anche così, facendo parlare le evidenze scientifiche e seguendo la strada della trasparenza e della tracciabilità, potremo riaffermare il valore delle nostre produzioni di eccellenza – conclude la Nugnes.

  • Leggi su RadioCRC

Repubblica - Napoli

Rifiuti: veterinari campani a Montecitorio, mozzarella di bufala e' sicura

  • Napoli, 26 nov. - (Adnkronos) - L'associazione dei Giovani veterinari della Campania ha manifestato oggi davanti a Montecitorio in difesa della qualità della mozzarella di bufala campana. Una manifestazione "pacifica", spiega il presidente dei Giovet, Rino Cerino, "per assicurare consumatori e parlamentari che il nostro prodotto è buono". "Grazie ai piani straordinari della Regione Campania, del settore veterinario, dell'Istituto zooprofilattico e della collaborazione con le forze dell'ordine, i Nas e il Ministero della Salute - spiega Cerino - sono stati predisposti piani per analizzare la diossina sulla mozzarella di bufala campana e sul latte. I dati sono confortanti, abbiamo lo zero percento su quei terreni della Terra dei fuochi particolarmente colpiti dal recente assalto mediatico". Da qui la manifestazione, "in difesa delle nostre istituzioni che effettuano i controlli e di tutti i 22mila addetti nella nostra regione che ogni giorno si sacrificano per portare avanti una cultura e una tradizione".

  • Leggi su Repubblica - Napoli

Vetclick

Giovani veterinari della Campania in piazza a Montecitorio

  • Il 26 Novembre l’associazione che riunisce i giovani veterinari della regione Campania (GioVet) col contributo dell’Università Federico II di Napoli e l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno (IZSM), ha portato a Roma le mozzarelle di bufala per manifestare contro la campagna mediatica che denigra i prodotti della loro terra.

    Lo scandalo che coinvolge la Terra dei Fuochi ha colpito in particolar modo i prodotti lattiero caseari, accusati di contenere diossine e policlorobifenili (PCB).

    I volenterosi veterinari campani hanno deciso di dimostrare agli italiani che i prodotti di origine animale sono controllati, analizzati e messi in commercio solo se salubri, quale migliore modo per farlo se non allestire dei banchetti con le mozzarelle di bufala Dop nel pieno centro della Capitale?

    Con una nota ufficiale i GioVet fanno sapere che la manifestazione non è una protesta, ma un’occasione per confrontarsi con la gente e chiarire la situazione dei prodotti lattiero caseari campani che sono ingiustamente denigrati.

  • Leggi su Vetclick

Corriere del Mezzogiorno

Mozzarella export, i giovani veterinari ai deputati: mangiatela, è senza diossina

  • Manifestazione davanti Montecitorio in «difesa» del latticino dop: «Il nostro è confronto, non protesta»

    NAPOLI - Per condividere e partecipare alla riabilitazione dei prodotti lattiero caseari di bufala della Campania, in piazza Montecitorio a Roma, l'associazione Giovani Veterinari della Campania (GioVet) - grazie alla collaborazione della Facoltà di Medicina Veterinaria della Federico II e l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno (IZSM) - ha distribuito mozzarelle di bufala campana con relative analisi di diossine e Pcb. Nessuna manifestazione di protesta - ribadiscono i giovani professionisti - ma un evento partecipativo e un momento di confronto per informare i consumatori in modo chiaro ed inequivocabile sulla filiera bufalina.

    BASTA ALLARMISMO - «Le recenti inchieste su Terra dei Fuochi e, più in generale, sulla salubrità dei prodotti campani, soprattutto della mozzarella di bufala, - prosegue la nota - hanno creato unicamente allarmismo, preoccupazione e confusione sul consumo dei prodotti campani, che sembra pure lecito dopo la massiccia risonanza mediatica, ma che è profondamente ingiustificato e arbitrario alla luce delle analisi che vengono costantemente effettuate con estremo rigore».

    CALDORO - «Ho visto i giovani veterinari della Campania. Bella la loro iniziativa su mozzarella e prodotti. Mi fido di loro, dei nostri giovani». Cosi il presidente della Regione Campania, Caldoro su twitter dopo aver incontrato i giovani veterinari che in piazza Montecitorio, a Roma, hanno distribuito mozzarelle campane con tutte le analisi che vengono effettuate.

    NUGNES - «L' iniziativa messa in campo dai giovani veterinari della Campania è la dimostrazione del fatto che si può manifestare anche a difesa dei nostri prodotti di eccellenza, e la mozzarella è sicuramente uno di questi». Così Daniela Nugnes, assessore all'Agricoltura della Regione Campania. «Con la manifestazione a Montecitorio - aggiunge Nugnes - si è scelto di far parlare i dati. Analisi che dimostrano che la nostra mozzarella di bufala, ma non solo quella, non solo è buona, ma è anche controllatissima». «Se serve anche questo a tutela della agricoltura campana sana e che rappresenta la nostra regione nel mondo, ben vengano tutte le iniziative del genere. Anche così, facendo parlare le evidenze scientifiche e seguendo la strada della trasparenza e della tracciabilità, potremo riaffermare il valore delle nostre produzioni di eccellenza», conclude l'assessore Daniela Nugnes.

    IL CONSORZIO: CI BATTIAMO PER LA TRASPARENZA - «Il marchio dop che contraddistingue il nostro prodotto è garanzia inequivocabile di sicurezza alimentare»: dice il presidente del Consorzio della mozzarella di bufala campana Dop, Domenico Raimondo. «Il "bollino giallo e rosso" apposto sulle confezioni - sottolinea Raimondo - garantisce l'acquisto di una specialità campana che ha superato i controlli più severi. Questo è un punto fermo di cui i consumatori devono essere consapevoli e che i media devono aiutarci a trasmettere. Noi - conclude Raimondo - lottiamo ogni giorno per la trasparenza e siamo i primi a volere chiarezza dalle istituzioni circa l'isolamento di eventuali limitate aree a rischio».

  • Leggi su Corriere del Mezzogiorno